Elezioni politiche il 24 e 25 febbraio 2013: le norme

18 gennaio 2013 | Pubblicato in: Territorio
Il 22 dicembre 2012, il Presidente della Repubblica, sentiti i Presidenti della Camera e del Senato, con proprio decreto, ha sciolto le Camere, con un lieve anticipo rispetto alla scadenza naturale. Inoltre, con un distinto decreto, su proposta del Governo, ha indetto le elezioni politiche per il 24 e 25 febbraio 2013.

Lo stesso decreto ha fissato la data della prima riunione delle nuove Camere per il 15 marzo 2013 (DPR pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 24 dicembre 2012).

Si voterà, come per le precedenti elezioni politiche del 2006 e 2008, con il sistema proporzionale con soglie di sbarramento e premio di maggioranza, introdotto con la legge n. 270 del 2005.

I principali elementi che caratterizzano tale sistema sono:

la possibilità delle liste di aderire a coalizioni, indicando previamente il nome del leader della coalizione;

la previsione di un articolato sistema di soglie di sbarramento;

l’attribuzione di un premio di maggioranza alla coalizione (o lista) vincente.

Per poter accedere all’assegnazione dei seggi alla Camera, sono previste soglie calcolate sul totale dei voti validi a livello nazionale, pari al 10 per cento per le coalizioni, al 2 per cento per le singole liste che aderiscono ad una coalizione, al 4 per cento per le liste non coalizzate e per quelle le cui coalizioni non hanno raggiunto il 10 per cento. Per il Senato le percentuali di soglia sono più alte: rispettivamente il 20, il 3 e l’8 per cento, calcolate su base regionale, anziché a livello nazionale.

Il premio di maggioranza è attribuito secondo modalità sensibilmente diverse tra i due rami del Parlamento. Alla Camera, il premio è assegnato alla coalizione di liste (o lista singola) più votata a livello nazionale. Il premio consiste nell’assegnazione di un certo numero di seggi necessario a raggiungere la quota di 340 deputati su 630. Se la coalizione raggiunge o supera tale soglia, ovviamente il premio non scatta.

Al Senato, il premio è attribuito a livello regionale: in ciascuna regione (tranne Molise, Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige, regioni per le quali vigono disposizioni particolari) viene assegnato alla coalizione (o alla lista) più votata in quella regione il numero di seggi necessario a raggiungere il 55 per cento dei seggi assegnati alla regione.

I seggi sono ripartiti tra le regioni in proporzione alla popolazione residente, ma nessuna regione può avere meno di sette senatori, tranne la Valle d’Aosta che ne ha uno e il Molise, che ne ha due.

Non è previsto alcun quorum minimo per l’attribuzione del premio che è assegnato alla coalizione (o alla lista) più votata.

Infine, sia alla Camera sia al Senato non è prevista l’espressione del voto di preferenza, e l’ordine degli eletti è dato dalla successione dei candidati in ciascuna lista.

Una diversa disciplina elettorale è prevista per la rappresentanza dei cittadini italiani residenti all’estero (sei senatori e dodici deputati eletti con metodo proporzionale in una apposita “circoscrizione Estero”). Sono altresì previste specifiche disposizioni per talune regioni(Molise, Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige) caratterizzate da bassa popolazione o dalla presenza di consistenti minoranze linguistiche.

 

Sulla materia delle cause di incandidabilità, è stato emanato il decreto legislativo 31 dicembre 2012, n. 235 (pubblicato in G.U. n. 3 del 4 gennaio 2013). Il provvedimento reca un testo unico della normativa in materia di incandidabilità alla carica di membro del Parlamento europeo, di deputato e di senatore della Repubblica, di incandidabilità alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali e di divieto di ricoprire le cariche di presidente e di componente dei consigli e delle giunte delle unioni dei Comuni, di consigliere di amministrazione e di presidente delle aziende speciali e delle istituzioni di cui all’articolo 114 del testo unico delle leggi sull’ordinamento degli enti locali, di presidente e di componente degli organi esecutivi delle comunità montane.

Contemporaneamente alle elezioni politiche si svolgeranno le elezioni per il rinnovo dei consigli regionali della Lombardia, del Lazio e del Molise.

Manuale elettorale. Le norme per le elezioni politiche, 9 gennaio 2012

Ministero dell’interno – Elezioni e referendum

 

Le Camere hanno approvato, con modifiche, la legge di conversione del decreto-legge n. 223 del 2012 che reca disposizioni urgenti di modifica di alcune fasi del procedimento elettorale applicabili esclusivamente alle elezioni politiche dell’anno 2013 e solo in caso di scioglimento anticipato delle Camere.

Le modifiche riguardano:

  • la riduzione del numero delle firme per la presentazione delle liste di candidati alla Camera e al Senato;
  • la modifica dei termini temporali di rimozione delle cause di ineleggibilità;
  • l’esercizio del diritto di voto di alcune categorie di cittadini temporaneamente all’estero per motivi di servizio, quali i militari impiegati nelle missioni internazionali;
  • l’ammissione ai seggi elettorali degli osservatori internazionali dell’OSCE;
  • la disciplina dell’Anagrafe degli italiani all’estero.

Alcune delle disposizioni introdotte dal decreto-legge erano state adottate anche in occasione delle precedenti elezioni politiche del 2006 e del 2008.

 

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha approvato la delibera n.13, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 9 dell’11 gennaio 2013 sulle disposizioni di attuazione della disciplina in materia di comunicazione politica e di parità di accesso ai mezzi di informazione relative alle campagne per le elezioni del Presidente della Giunta regionale e del Consiglio regionale delle Regioni Lazio, Lombardia e Molise, indette per i giorni 24 e 25 febbraio 2013.