Filippeschi (Legautonomie). Ci appelliamo a Napolitano: una chiara inversione di tendenza per evitare il “default” delle città

26 novembre 2012 | Pubblicato in: News
“E’ una situazione senza precedenti. Il ricorso alla giustizia amministrativa è il segno di un conflitto ormai insostenibile. Il rischio di decisioni drammatiche dei sindaci incombe davvero. Legautonomie si rivolge alla sensibilità del Presidente Giorgio Napolitano perché sia tutelato il valore che la Costituzione assegna alle autonomie locali come presidio democratico essenziale per la piena legittimazione dello Stato e come insostituibile sistema di garanzia di fondamentali e concreti diritti di cittadinanza. Le città sono un attore essenziale per ricreare crescita e non una palla al piede. Serve un radicale cambiamento d’impostazione politica e già oggi i partiti devono prendersi cruciali responsabilità”.

Così il presidente nazionale di Legautonomie Marco Filippeschi, sindaco di Pisa, che interviene a commentare le decisioni annunciate ieri con la manifestazione nazionale promossa dall’Anci e svoltasi a Milano. “Abbiamo la certezza di come una larghissima parte di comuni non è posta in grado di approvare i bilanci preventivi – sottolinea Filippeschi – e di come sono ormai posti a rischio servizi essenziali, con effetti sul livello di civiltà e di qualità sociale delle nostre città. Inoltre, non si sono visti provvedimenti premianti per i comportamenti amministrativi virtuosi quali erano stati a più riprese promessi. Non ci sono indicazioni serie per la razionalizzazione e per l’efficienza ma provvedimenti centralisti e indiscriminati quanto confusi”.

“Facciamo nostro l’appello dell’Anci e chiediamo segnali a partire dall’approvazione della legge di stabilità – conclude Filippeschi – perché sull’applicazione del patto di stabilità, sull’Imu e in generale sulla certezza delle entrate serve una svolta. Solo un segnale che inverta la tendenza insostenibile che subiamo può scongiurare le proteste annunciate, che purtroppo sono allo stesso livello della situazione che si sta scaricando sulle comunità che amministriamo”.

 

Elenco Allegati