Gioco d’azzardo, documento conclusivo da commissione Affari sociali della Camera

30 agosto 2012 | Pubblicato in: News
La Commissione affari sociali della Camera ha approvato il documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sugli aspetti sociali e sanitari del gioco d’azzardo.
Gioco d'azzardo, documento conclusivo da commissione Affari sociali della Camera

Queste le proposte suggerite dalla Commissione:

Affrontare le ricadute sociali e sanitarie – E’ necessario disporre di una conoscenza dei dati epidemiologici tecnicamente e scientificamente validati, promovendo una indagine, affidata a soggetti privi di conflitto di interessi, che determini i profili per individuare le persone vulnerabili che hanno maggiori probabilità di sviluppare una dipendenza da gioco, le persone problematiche che cioè presentano caratteri evolutivi verso la dipendenza e le persone patologiche per le quali il disturbo si manifesta secondo le caratteristiche del g.a.p. È risultata unanime nel corso delle audizioni la valutazione di inefficacia di un approccio proibizionistico, né appare convincente l’esortazione al gioco “responsabile”, mentre è largamente condivisa la necessità di nuove regole per limitare l’offerta dei giochi, tutelare i minori, liberare l’industria del gioco dagli inquinamenti della malavita ed affrontare il tema della presa in carico dei giocatori patologici.

Prevenzione e informazione – Il primo intervento va operato sulla pubblicità, limitando i messaggi pubblicitari e di marketing sul gioco d’azzardo, vietando la pubblicità ingannevole e la pubblicità ammiccante e adottando specifici codici di autoregolamentazione. Nel campo della prevenzione primaria, è necessario promuovere campagne di sensibilizzazione per l’uso responsabile del denaro, per la limitazione all’accesso al debito e sui rischi collegati al gioco d’azzardo, particolarmente nelle scuole, e che siano altresì dirette alle famiglie per aiutarle nell’attività educativa. Vanno promosse iniziative sperimentali di prevenzione e di formazione estesa agli esercenti allo scopo di prevenire gli eccessi di gioco ed avviata una puntuale e rigorosa informazione diretta al giocatore, al fine di renderlo edotto sulla probabilità di vincita per ogni giocata. Occorre sperimentare formule organizzative che prevedano l’accesso ai giochi esclusivamente con una card personale per autolimitare la spesa da impiegare nel gioco ed impedire l’accesso ai minori.

Limitazione dei giochi – Occorre distinguere i giochi in relazione alla maggiore o minore potere di creare dipendenza ed in relazione a queste risultanze si deve ridurre la capillarità della diffusione del gioco d’azzardo, soprattutto dei giochi rapidi che sarebbe preferibile collocare in sale dedicate: in tal modo sarebbe più agevole svolgere i controlli, far osservare le regole che vietano il gioco ai minori e si renderebbe più agevole la promozione di strategie per il “gioco responsabile”, anche con la collaborazione dei gestori. In tal senso, la Commissione suggerisce l’introduzione di un criterio per regolare le nuove autorizzazioni e sospendere la proliferazione dei giochi mediante la modifica del decreto-legge 138/2011 con il quale il ministro dell’Economia ha dato mandato all’Azienda dei Monopoli di Stato di autorizzare nuovi impianti al fine di incrementare le entrate: le nuove autorizzazioni potrebbero essere agganciate al tasso di crescita del paese.

Norme per la cura – Finora la cura della patologia del giocatore d’azzardo patologico è stata affidata ad iniziative sporadiche messe in atto da associazioni o da servizi pubblici (SERT). Il Governo, nel 2010, con la legge di stabilità ritenne di dover intervenire per la prima volta con una “norma primaria” per definire “linee di azione per la prevenzione, il contrasto e il recupero di fenomeni di ludopatia conseguente a gioco compulsivo” e pervenne alla predisposizione di un decreto interdirigenziale, approvato dalla Conferenza Stato-regioni, ma bloccato da un anno perché privo della norma finanziaria, necessaria alla attivazione delle azioni individuate per gli interventi sociali e sanitari che si inquadrano nell’ambito del G.A.P., non della ludopatia come erroneamente nel decreto si afferma. La norma che prioritariamente – ad avviso della Commissione – occorre introdurre nell’ordinamento riguarda il riconoscimento del G.A.P. e l’inserimento del gioco d’azzardo patologico (GAP) nei LEA (livelli essenziali di assistenza)in adesione all’orientamento dell’OMS che identifica il gioco d’azzardo compulsivo come una forma morbosa che può diventare un’autentica malattia sociale.

Trasparenza e legalità – La Commissione giudica imprescindibile avviare una “operazione trasparenza” nelle procedure di concessione, attraverso più severi controlli per le società estere che approdano in Italia e più rigorose verifiche e accertamenti su tutti i soggetti della filiera dell’industria del gioco, eventualmente escludendo coloro che hanno avuto precedenti penali; è necessario altresì introdurre la tracciabilità dei flussi di gioco, prevedere l’applicazione rigorosa delle norme antiriciclaggio e requisiti più stringenti per i gestori di giochi, nonché inasprire le pene per la violazione delle norme che proibiscono il gioco ai minori.

Riordino delle competenze – Occorre una legge quadro sul gioco d’azzardo per meglio definire le funzioni di governo e di programmazione politica sulle attività di gioco d’azzardo distinte dalle competenze di gestione e di controllo. In tal senso la Commissione ritiene opportuno ridefinire le funzioni dall’Azienda dei Monopoli di Stato, di recente accorpata con l’Agenzia delle Dogane. Un capitolo importante è riservato ai nuovi poteri da affidare ai Comuni ai quali arrivano i giocatori in difficoltà economica. In questi anni si sono moltiplicati i conflitti istituzionali in ordine alle richieste dei Comuni di determinare gli orari di funzionamento degli apparecchi di gioco differenziati rispetto agli esercizi pubblici ove sono collocati e/o la ubicazione delle sale giochi o degli apparecchi da gioco al fine di evitare la contiguità con scuole e luoghi di aggregazione giovanile. I Sindaci hanno fatto ricorso all’uso delle ordinanze, ma è esploso un contenzioso che va risolto estendendo le funzioni ed i poteri dei Comuni negli ambiti citati.

Risorse finanziarie – Aldilà di valutazioni pur importanti di natura etica, la Commissione si pone il seguente interrogativo “Lo Stato incentivare il gioco d’azzardo per esigenze di cassa e non farsi carico delle ricadute di tali scelte ? E qualora intendesse farsene carico può non porre in relazione l’utilità economica con i costi sociali e sanitari che comporta la riparazione del danno provocata dal gioco d’azzardo ?” In Svizzera viene destinata una quota delle entrate derivanti dal gioco lecito – a carico quindi dello Stato ma anche dei concessionari e gestori – per far fronte alle spese sanitarie per la prevenzione e la cura del gioco patologico d’azzardo e da molti soggetti intervenuti nelle audizioni è venuta la richiesta di applicare anche in Italia analoga normativa. In sede di audizione è emersa anche la proposta di ricorrere ad una quota delle sanzioni comminate a concessionarie o gestori degli apparecchi da gioco per finanziare i servizi previsti dai L.E.A.. Occorre, infine, rimuovere la differente tassazione fra gioco e gioco attualmente esistente e evitare che l’imposizione fiscale sia modulata differentemente al solo fine di incentivare la diffusione di determinati giochi: si eviterebbero così comportamenti elusivi che determinano, a fronte di un aumento dell’ammontare delle somme giocate, una diminuzione percentuale del gettito per l’Erario.