Il referendum sulla caccia non si farà

7 maggio 2012 | Pubblicato in: News

Il 3 giugno non si terrà il referendum sulla caccia: il Consiglio regionale ha approvato un emendamento alla legge finanziaria 2012 presentato dall’assessore Claudio Sacchetto che prevede l’abrogazione della l.r. 70/96, il conseguente decadimento della consultazione.

Si potranno così risparmiare i 22 milioni di euro che la Regione avrebbe dovuto spendere per consentire le operazioni di voto.

Inoltre, sarà possibile adeguare la legislazione piemontese ai cambiamenti intercorsi in questi 16 anni – mutamento delle condizioni in cui si esercita la caccia, della fauna, del territorio e delle attività condotte su di esso – con una normativa allineata a quella delle Regioni confinanti e che concepisca la caccia in tutte le sue sfumature. Fino alla sua approvazione sarà in vigore quella nazionale (n.157/92).

Il presidente Roberto Cota ha dichiarato che “non appena approvata la finanziaria, si esprimerà la Commissione di garanzia in relazione al referendum, e prenderemo atto della sua valutazione. E’ ovvio che saluto positivamente il risparmio di 22 milioni, che, in un momento così delicato, potranno essere impegnati a sostegno delle categorie più deboli”.

In allegato il link del comitato referendario con tutte le informazioni : http://www.referendumcaccia.it/