Comuni, Filippeschi: “Senza correzioni si limita la possibilità di dare un contributo alla crescita del Paese”

7 marzo 2012 | Pubblicato in: News

“Dobbiamo dare visibilità all’insoddisfazione dei sindaci. E’ necessaria una correzione della manovra. Non è accettabile una manovra fatta su un taglio indiscriminato, che punisce anche i comuni virtuosi, una centralizzazione ulteriore e nessuna flessibilità nell’applicazione del patto di stabilità. La nostra consapevolezza della crisi è piena e responsabile. Ma siamo anche consapevoli di come si colpiscano il sistema welfare locale e i servizi essenziali, e si limiti la possibilità di dare un contributo alla crescita.
 

C’è da scegliere, cambiando strada”. Così il presidente nazionale di Legautonomie Marco Filippeschi sull’incontro che si è tenuto oggi a Palazzo Chigi tra i Comuni e il Governo.

“Vogliamo sapere se è possibile condividere una politica. I comuni sono una risorsa oltre che un presidio sociale. Sulle scelte di finanza pubblica come sulle riforme istituzionali c’è bisogno che Governo e Parlamento interloquiscano in un rapporto paritario, come vuole la Costituzione”.