Welfare, studio dell’IRS sulla legge delega sull’assistenza

3 ottobre 2011 | Pubblicato in: News, Welfare

Pubblichiamo in allegato uno studio dell’IRS, l’Istituto per la Ricerca Sociale, presentato a Milano il 29 settembre al convegno “Disegnamo il welfare di domani”.

“E’ necessario ripensare il welfare – ha spiegato durante il seminario Emanuele Ranci, il coordinatore del gruppo di lavoro – perché è disfunzionale rispetto alle finalità, inefficace rispetto agli obiettivi, inefficiente nel suo operare e perché occorre ottimizzare l’uso delle risorse'”.

I fondi per le politiche socio-assistenziali infatti ci sono e sono anche consistenti: quasi 62 miliardi di euro, ovvero 4 punti del Pil. La proposta degli esperti riuniti da ‘Prospettive Sociali e Sanitarie’, la rivista dell’Istituto per la Ricerca Sociale, è quella di puntare sul decentramento “per portare sul territorio non solo l’attuazione, ma anche la progettazione degli interventi, perché solo qui si possono cogliere le condizioni di bisogno”, è scritto nel testo.

Una “rivoluzione” da accompagnare con la riduzione delle erogazioni monetarie, “difficili da controllare”, a favore dell’offerta di servizi caratterizzata “da un universalismo selettivo che, mantenendo invariato il budget di spesa renderebbe il servizio più equo ed efficace”, ha spiegato Ranci. “Si tratta di utilizzare meglio, ridistribuendole, le risorse attualmente disponibili – spiega il team di esperti – introducendo criteri di selettività rapportati alle condizioni economiche dei beneficiari valutate da un Isee rinnovato”.

 

Elenco Allegati